02. Gianni Andreani e Francesco Peruselli (pv) ufficio studi delle Acli. Presentazione del loro libro: "Monsignor Giovanni Volta"

nsmail

                       

Mercoledì 14 marzo, presso il Vescovado di Pavia, è stato presentato il nostro libro dedicato a mons. Volta.

Nato a Gazoldo degli Ippoliti - Mantova - da una famiglia di contadini, don Volta è stato docente di Teologia e Rettore del Seminario di Mantova. Inoltre ha insegnato Teologia Fondamentale presso la Facoltà Teologica Interregionale di Milano ed è stato Assistente Ecclesiastico dell'Università Cattolica di Milano.

Infine Vescovo di Pavia dal 1986 al 2003. Durante il suo Episcopato è stato Presidente della Commissione Ecclesiale Giustizia e pace della Cei, Commissione che ha pubblicato due note pastorali: "Uomini di culture diverse: dal conflitto alla solidarietà”. Documento tuttora attuale visto il rancore, l'insofferenza e l'intolleranza per chi è diverso per lingua, colore della pelle o religione. "Bisogna guardare il nostro prossimo con gli stessi occhi con cui guardiamo i nostri figli, oltre le ideologie, per trovare punti di convergenza e vie di maggior collaborazione".

Nel 1991, siamo nel periodo di tangentopoli, viene pubblicato il documento "Educare alla legalità", di viva attualità. Per mons. Volta Educare alla legalità, "ossia il rispetto e la pratica delle leggi costituisce una condizione fondamentale perché vi siano libertà, giustizia e pace tra gli uomini. La legalità non spetta solo ai politici e funzionari pubblici, ma anche ai cittadini. C'è bisogno di un vero senso dell'etica. La Chiesa e cristiani si fanno compagni di strada con quelli che cercano di realizzare il bene comune".

Il bene comune si realizza se la politica viene vissuta come servizio alla società e non per fare interessi personali o per permettere che sia dominata da lobbie. "Il cristiano che si cimenta in politica deve avere tre doti: onestà, competenza e amore per la propria città".

ln mons. Volta la centralità della Parola viene accolta, annunciata, celebrata, vissuta, testimoniata nel concreto delle scelte quotidiane, personali ed ecclesiali e, come naturale conseguenza, nell’attenzione ai poveri di ogni sorta. Quindi una Chiesa estroversa e missionaria.

Ha scritto Alberta Poltronieri, sul sito lBS, negozio per l'acquisto del libro on line: “raccomando questo libro anche a chi non ha conosciuto personalmente - come me - questa grande figura di uomo di Chiesa. Perché i brani riportati fanno risuonare le parole e la passione che contraddistingueranno poi lo spirito di papa Francesco".

Infine sul settimanale dei cattolici mantovani "La Cittadella", Anna Orlandi ha scritto: "questo libro è il frutto di un'impresa non facile, e tuttavia ben riuscita, che recherà un significativo contributo alla storia della Chiesa pavese e non solo”.

Araldo Lomellino, settimanale della diocesi di Voghera,16 marzo 2018

Gianni Andreani, Ufficio studi Acli Pavia

Francesco Peruselli, Segretario Acli Pavia